Tumpik
charlieebasta · a year ago
Text
Ore 13.30. Salgo sul treno. La musica nervosamente assordante accompagna il brusio dei miei oscuri pensieri. Mi guardo intorno, mi scorgo nel finestrino, mi vedo evanescenza, mi vedo scomparire. Le ombre intorno a me si attengono al giocoso scherzo della vita: si muovono e danzano rivelandosi inutili pedine nella partita del mondo. Tutto appare finto e controllato da un maestro d’orchestra abilmente nascosto nei più bui angoli della mia mente. Sono illusione, o creatrice di essa? Più precisamente, chi sono? 
Mi sento vuoto, vacuità vagante in un mondo che mira alla pienezza, senza mai raggiungerla. Sì, intorno a me, si professa il culto della pienezza, come se fosse qualcosa di tangibile. Si ricerca la tasca piena, la vita piena, gli ambienti pieni, a scapito dell’obiettivo assai più alto di una mente piena e di un cuore vuoto. Ma io, nella mia vuotezza, mi ritrovo ad osservare quegli ovattati corpi malformi, mascherati dietro una facciata di falsa esuberanza, nascosti dietro un pareo di sfacciata irriverenza. Mi trovo a fissare il mondo esterno nella mia piccolezza e nella mia umile invisibilità. Mi penso piccola parte di un tutto assai più grande e complesso, assai più incomprensibile. Ma la vera battaglia, non so se sia davvero quella contro l’esterno o quella dentro di me. Mi sento in guerra, costantemente, ma la mia è una guerra fredda, congelata. Mancano colpi di armi da fuoco: li ho esauriti, mancano cannoni e schieramenti: li ho annientati. Rimango io, sola e maledettamente infelice, a combattere il dramma della mia Grande Depressione e la tragedia della mia Grande Guerra interiore. Non si intravede pace, non c’è un accordo in previsione. Mi scopro ogni giorno nuova e diversa ed ogni giorno scopro nuovi e diversi nemici. Il tempo mi ha trasformato, o forse io ho trasformato il tempo, e dall’interno o dall’esterno, sento di non essere o di essere, ma senza percepire. Sento il bisogno dello sfogo, dello scoppio. La troppa diplomazia fa male, il troppo controllo logora. Lo scoppio del conflitto porta invece alla risoluzione che, per quanto lunga e lontana, arriverà. Ma senza scoppio, questa riconciliazione appare pura illusione ed irraggiungibile speranza. 
Persa nel buio dei miei pensieri, lontana da me e lontana dagli altri, mi chiedo se mai mi scoprirò o riscoprirò essere vivo, essere umano. Mi sento un’automa che diligentemente riavvolge il nastro della vita, senza sapere quando esso finirà e senza domandarselo. Al tempo stesso, mi sento fuscello trasportato dal vento, sballottato dalle troppe idee, catturato da vortici di pensieri. Un fragile fuscello ed un potente automa. L’automa protegge il fuscello, l’automa resta, il fuscello vaga. Chi dei due io sia veramente, non lo capisco. 
Sento dentro di me un flusso costante di ingarbugliati pensieri e mi chiedo se voi, esterni e lontani, mi chiedo se voi proviate lo stesso. Mi sento una, nessuna o forse mille persone. Mi sento vuota e troppo facilmente riempibile. Vi guardo e mi sembrate distanti, vi guardo e lo spazio che ci separa mi sembra incolmabile. Vi guardo, come perfettamente e diligentemente prendete posto nel plotone che tenacemente affronta la quotidiana lotta dell’esistenza umana. Ed in quello stesso schieramento, mi sembra di non riuscire ad entrare, mi sembra che nessuno abbia contemplato la mia presenza. 
E’ la storia della mia vita, provare ad entrare, provare ad appartenere e fallire sempre, miseramente fallire. Non apparterrò mai a niente, non parliamo la stessa lingua, né viaggiamo sullo stesso treno. Siamo su due frequenze diverse, su due binari opposti e io rimango qui. Siedo cupamente nel mio angusto sedile, e guardo voi, piccoli umani, incapace di provare disprezzo o ammirazione, incapace di vedermi parte di un tutto, incapace di sentirmi altro in voi. Semplicemente, non vi capisco, e mai vi capirò. Semplicemente mi sembrate così terribilmente vuoti e così terribilmente pieni. E si sa, che vasi pieni non si incastrano l’uno nell’altro.
1 note · View note
charlieebasta · a year ago
Text
I despise the word “survivor.”
To all of us who went through pain, abuse, addiction, depression and self-hatred. Is that what we want to be remembered as? As someone who survived? As someone who, despite it all, went on and on, forgiving, forgetting, allowing, existing?
Because I don’t think that’s what I want to be.
I am not a survivor. Parts of me died while I was raped, stalked, harrassed, emotionally abused. Parts of me, I left in that syringe, that bottle, that pill. And parts of me are yet to be discovered in whatever is left from that scorned, broken, torn apart thing that I still want to call a body.
Please forgive me, but I don’t see that as surviving. I don’t see how putting a smiling face on after years and years of anger, frustration and disappointment could ever be classed as surviving.
And I don’t see why the strongest people in the world, the ones who are still here despite it all should ever be called by a very passive name: survivors. We ain’t surviving. We might be dead inside, dead as they want us to be, but we shouldn’t be passive. We shouldn’t let them call us by a name that suggests acceptance.
So, no. Stop calling me a survivor. Call me a fighter, call me resistent, call me stubborn, call me resilient. Someone who is aware of the psychological damage that those years caused, and who is not surviving them, yet wants nothing more but to fight those years, fight those people, see justice as justice can be made. Seek help, rather than labels. Seek restorative justice rather than peace.
I’m not surviving your abuses. In fact, they killed me. But I am fighting for a world where you would not abuse of anyone anymore. I am fighting for a world where your abuses would not be punished but held responsible, responsible for a damaging, neglecting society, for abuse itself and for poverty, ignorance, discrimination, perversion.
I am not surviving my eating disorders, my addictions, my family losses, my abusive father, my deprecable life, I am fighting it, fists on. Don’t make me a charity case, make me the face of a yet-to-be-won battle against a world where all of this happens. And where all of it happens way too often.
5 notes · View notes
charlieebasta · a year ago
Quote
Think of the time, the doctor lifted the baby, said she was a girl. Think of the time, the girl was called a girl and, before she could even realise, was put a skirt on. Was it the vulva? What was it? Was that the final decision? A chromosome over a life, a sentence over a smile, an organ, is that all I am? Explaining gender is like explaining life to a kid who was given no alternative but to believe, to a teen who could not outgrow their skin, to a human who was doomed to redeem. Sometimes, gender kills. Sometimes, it heals. But all we are left with is wondering what would have happened if the doctor had not lifted us, if the doctor had just let us be.
Charlie
1 note · View note
tellmelieshulu · 20 days ago
Text
Tumblr media
Based on the best-selling novel, #TellMeLies premieres September 7 on @Hulu.
9K notes · View notes
charlieebasta · a year ago
Text
Il tempo, che cos’è il tempo?
La mia vita sembra essere un inutile susseguirsi di giorni che si concludono con l’amara considerazione sul poco che viverli mi abbia lasciato.
3 notes · View notes
charlieebasta · a year ago
Text
Reset. Reboot. Relapse.
Pressing reset once again. Day 71 is day 1 today. And I wonder: Am I even strong enough? When will the falls stop hurting so much? When will days cease being numbers? When will you stop saying that we need to be fighters? I wonder: will it not be easier to just blame my inability to stop rather than constantly blaming myself for not stopping?
2 notes · View notes
charlieebasta · 2 years ago
Text
You used to tell me that there was no need to be afraid of darkness. But the truth is: I am not afraid of it, mom. In fact, I have always felt that I belonged to darkness more than I belonged to the bright, shiny days. Darkness is scary when you are scared of what it may ceil, but all my life I have been so fucking scared of what light reveals that darkness seems to me a peaceful consolation, a final relief. Just like you feel at dawn, sunset brings me to life. And for once, I feel I can finally breathe. For once, I can finally feel. Hidden in my thoughts, drowned in my drunkness, I feel content with the impossibility to see and with the quietness of a busy world I will never be part of.
4 notes · View notes
charlieebasta · 2 years ago
Text
They say eating disorders destroy you, but they never really talk about what they build in you.
Anorexia taught me how to be strong when I felt I could never be.
Anorexia taught me how to take control over a body that people had made me believe it would never be mine.
Anorexia taught me how to turn scars into achievements and emptiness into relief.
Anorexia taught me how to make my pain mine and no one’s but mine.
It taught me that I could be the owner of my own destiny.
Anorexia gave me strength and it gave me power; the power I thought only men could have.
Anorexia became my shield against the world, it became my secret in a society that did not allow me to have secrets.
Anorexia was my companion when no one was there and nothing was right.
Anorexia was my shoulder, the voice that would remind me that everything was possible when I felt like trying was useless and failing the norm.
Anorexia was a toxic friend, but she was the only one I had.
They say that the hardest part of recovery is learning how to love yourself again, but what if the hardest part was figuring out who you want to be? What if we ended up believing that all we are is our sickness? What if we feel that without it we would be lonely and powerless again? How to let go of a friend who has made you feel strong for the first time in your life? I wonder whether the problem is not me wanting to hold on to something that will destroy me, but a society that makes me want to destroy myself all the fucking time.
10 notes · View notes
charlieebasta · 3 years ago
Quote
I think I am tired of teenagers feeling their mental health issues are something that no one can understand. People can understand, you guys. If you only try hard enough to explain it with your own words, they are not stupid and if they only care about you a little, I am sure they will understand, or at least, they could. So, my message is: try. Try and explain, and explain why you really could not make it last night. Explain why you did not feel like getting out of bed. Explain why you hurt yourself. Explain what was in your mind when you cut your forearm, you thigh, your shoulder or whatever it was. Explain why you don’t feel like eating. Explain why you didn’t go home. Explain why you slept with that person that you hate. Explain why you punched that wall. Explain why you did not reply that message. Explain why you threw up in the middle of a party. Explain why you spent hours in the bathroom. Explain it. Because, believe it or not, there are people out there who are ready to listen. And want to listen to you. Because you’re worth it. And it takes a while to realise it, and it might not be easy at first. But if you love them as much as they love you, they deserve to know.
6 notes · View notes
charlieebasta · 3 years ago
Video
youtube
Mom, my depression is a shapeshifter One day it's as small as a firefly in the palm of a bear The next it's the bear On those days I play dead until the bear leaves me alone I call the bad days ‘the Dark Days’ Mom says, ‘try lighting candles’ But when I see a candle, I see the flesh of a church The flicker of a flame Sparks of a memory younger than noon I am standing beside her open casket It is the moment I learn every person I ever come to know will someday die Besides Mom, I'm not afraid of the dark, perhaps that's part of the problem Mom says, ‘I thought the problem was that you can't get out of bed’ I can't, anxiety holds me a hostage inside of my house, inside of my head Mom says, ‘Where did anxiety come from?’ Anxiety is the cousin visiting from out of town that depression felt obligated to invite to the party Mom, I am the party, only I am a party I don't want to be at
Mom says, ‘Why don't you try going to actual parties, see your friends’ Sure I make plans, I make plans but I don't want to go I make plans because I know I should want to go; I know sometimes I would have wanted to go It's just not that fun having fun when you don't want to have fun, Mom
You see, Mom, each night Insomnia sweeps me up in his arms, dips me in the kitchen in the small glow of the stove-light Insomnia has this romantic way of making the moon feel like perfect company Mom says, ‘Try counting sheep’ But my mind can only count reasons to stay awake So I go for walks, but my stuttering kneecaps clank like silver spoons held in strong arms with loose wrists They ring in my ears like clumsy church bells, reminding me I am sleepwalking on an ocean of happiness that I cannot baptize myself in
Mom says, ‘Happy is a decision’ But my happy is as hollow as a pin pricked egg My happy is a high fever that will break Mom says, I am so good at making something out of nothing and then flat out asks me if I am afraid of dying
No Mom I am afraid of living Mom I am lonely I think I learned that when Dad left how to turn the anger into lonely the lonely into busy So when I say I've been super busy lately I mean I've been falling asleep watching SportsCenter on the couch
To avoid confronting the empty side of my bed But my depression always drags me back to my bed Until my bones are the forgotten fossils of a skeleton sunken city My mouth a boneyard of teeth broken from biting down on themselves The hollow auditorium of my chest swoons with echoes of a heartbeat But I am just a careless tourist here I will never truly know everywhere I have been Mom still doesn't understand Mom, can't you see That neither can I
3 notes · View notes
charlieebasta · 3 years ago
Quote
Self-harm. What a big word for nothing.  We harm ourselves repeatitively, every day. We smoke, we drink, we do drugs, we hang out with people we don't like, we hurt others and others hurt us, and then we regret, we feel guilty, and jealous, and always, always disappointed. We harm ourselves continuously. But for some reason, a scratch on your forearm generates more scandal than a cigarette in your mouth, a bad word said to your mom, an entire day spent in bed, a night of heavy drinking.  Relationships are complicated. Life is complicated. And sometimes, I think I just need something simple. You cut yourself, you're gonna bleed. You starve yourself, you're gonna feel hungry. Biology is pretty straightforward. And right now my body seems like the only battlefield where I can win.  I am not a kind of fetishist who loves blood. I just wanna see my anger and my pain directed towards something that is not as abstract, as impalpable and incomprehensible as everything else. I just wanna touch it. And take care of it. And that's what is so addictive about self-harm. It is the fact that you can see anger inscribed in your skin, curable, somehow. You gently clean your wound, rinse it with water, and cover it with a patch. You can feel your skin burning, stretching, and the blood coming out under a bandage that is there to cover your shame. It is your little secret and, for the very first time, you feel that you're the problem but also the solution. And that is it. And you love it. It is your wound and no one else's.
Charlie
8 notes · View notes
charlieebasta · 5 years ago
Quote
Vuoto Silenzio nelle vene Confusione nella mente.
 Guardi fisso l’orizzonte, Panno inerte Straccio di vita consumata Sole che non scalda, ma corrode Pioggia che non bagna, ma discioglie Cadevo piano piano Morivo lentamente Urlo soffocato Lamento strozzato La morte di morire Nel buio mio tormento
Charlie
2 notes · View notes
charlieebasta · 5 years ago
Text
Non siamo felici; siamo assuefatti. Assuefatti dall’idea di dover essere felici.
Viviamo in un mondo che professa il culto della pienezza: la tasca piena, la vita piena, il frigo pieno. Incapaci di sopportare il nulla, di affrontare il vuoto, di resistere il silenzio, cerchiamo continuamente la distrazione, il chiacchiericcio, l'annientamento della vera natura umana… Sappiamo passare una serata a fissare il vuoto? Sappiamo fare a meno degli allucinatori viaggi della modernità per concentrarci sulla nostra più intima, più profonda solitudine? 
La nostra è una società ossessionata dall’idea di felicità. E' il nostro obiettivo, la meta finale, la luce lampeggiante che ci ricorda quanto ancora siamo- e forse sempre saremo- lontani dalla destinazione. Alla fine della giornata, non ci importa quanto tempo abbiamo perso, quanto abbiamo vagheggiato su domande irrispondibili, ma quanto siamo felici. E come possiamo essere felici se i parametri di felicità sono posti ad un livello a cui non possiamo arrivare? Standard irraggiungibili ci ricordano continuamente di quanto non siamo né saremo mai abbastanza; per noi stessi o per gli altri. Alla fine della giornata ci troviamo a confrontarci con un’idea virtuale di felicità, una felicità che non esiste. In fondo non sappiamo che cosa sia la felicità, non lo abbiamo mai saputo. Eppure, ne siamo ossessionati, attratti, inspiegabilmente affascinati. Ed è qui che credo giaccia la forza evocativa del concetto di felicità: nella sua complessità, nell’impossibilità di essere spiegato, compreso, raccontato. Non siamo felici; siamo assuefatti. Assuefatti dall’idea di dover essere felici e assuefatti dal desiderio di eliminare ogni traccia di ontologica depressione. 
Che cos’è l’ontologica depressione? E’ il vuoto che riempie, la morte che rinvigorisce, la tristezza che ci rende umani. E’ tutto ciò che affrontiamo giorno dopo giorno e che potrebbe potenzialmente distruggerci, ma che invece ci rende ciò che siamo. E allora perché nasconderla, perché sotterrarla sotto la pretesa di un’illusoria felicità che cura? Che cosa c’è da curare se non la vera natura dell’essere umano? 
Paradossalmente, la ricerca di una felicità virtuale ci rende estranei al vero concetto di felicità. Perché come tutte le ideologie, quella della felicità dirige la nostra attenzione verso una standardizzazione della felicità stessa; ci fa credere che l’essere felici sia qualcosa di tangibile, di visibile, di provabile. Eppure questa a parer mio non è felicità. I cambiamenti ci fanno paura e allora ci tingiamo i capelli, ci iscriviamo in palestra, cambiamo lavoro. La solitudine ci terrorizza e allora ci sposiamo, stringiamo amicizie indissolubili, sottoscriviamo promesse che non manterremo. L’incertezza ci annienta e allora controlliamo il nostro corpo, le nostre abitudini, credendo di esserci finalmente liberati delle influenze mediatiche. Ma perché, invece, non riabbracciamo ciò che ci spaventa, perché non corriamo incontro alla tristezza, alla solitudine, al vuoto? Perché non realizziamo che esse sono parti della vita più di quanto la vita non lo sia di per sé? Immagina una vita senza morte, una luce senza il buio. Immagina l’essere senza il non essere. Perché la speculazione ha lasciato posto al pragmatico svolgimento di una vita indaffarata? 
Siamo forse diventati troppo impauriti per confrontarci con l’astratto, con il complesso, con l’ignoto?

10 notes · View notes
charlieebasta · 5 years ago
Text
Perché se non ci vieni a patti, la vita di distrugge.
“Cercavo risposte e trovavo domande. Non riuscivo a capire i perché, non sapevo come vivere, come camminare. Non riuscivo a provare nulla. Mi sentivo distante da tutti e da tutto. Diversa e distante. Sempre. Ho provato e ho sbagliato. Non avrei dovuto, non avrei voluto, ma quando cerchi qualcosa e non sai che cosa, beh tutto diventa confuso. Tutto è ancora confuso. La mia testa è un marasma, un fiume in piena, una tempesta. Ed io sono crollata. Incapace di conviverci, incapace di venirne fuori, sono crollata. Tagliarmi è stata una tremenda debolezza, una sconfitta e me ne vergogno, mamma. Me ne vergogno tremendamente.”


“Tu non sei debole. Non lo sei mai stata. Non sei debole, perché ti sei rialzata. E non sei debole perché hai rischiato. Perché non tutti si pongono domande che al solo pronunciarle fanno venire il capogiro. Perché molti la vita, si limitano a viverla. E quelle persone, sono convinte di averla vinta, di essere felici. Ma che cos’è la felicità? La felicità è tutto e niente. Guarda me. Guarda la mia vita. Pensi che io sappia come vivere? Se mi guardo indietro, non mi sembra di aver fatto nulla. Se mi guardo indietro, all’alba dei miei cinquant’anni, posso dire di non aver fatto proprio niente. Se morissi? Cosa succederebbe se morissi? Nulla. Assolutamente nulla. Tu piangeresti, forse. Un giorno o due. Papà piangerebbe, qualche giorno in più, magari, anche se l’amore non si misura in lacrime. Tuo fratello piangerebbe, e quella ristrettissima cerchia di persone che mi ostino a chiamare amici, beh, forse due lacrime le verserebbero anche loro. Ma cosa rimarrebbe? Tutti voi continuereste le vostre vite e di me rimarrebbe, forse, un ricordo. E per cosa avrò vissuto? Che cosa avrò lasciato? 
Sai, tutti si chiedono queste cose. Tu hai cercato risposte in un modo che evidentemente non te le avrebbe fornite, ma ci hai provato, hai rischiato, ti sei esposta, e hai capito un po’ di più chi sei e che cosa vuoi. Beh, per me questa non è debolezza. 
La debolezza è la mia che ogni giorno vado a letto promettendomi di cambiare qualcosa, di fare qualcosa, e mi sveglio la mattina che sono sempre uguale. La debolezza è la mia che alla soglia della vecchiaia ancora non riesco a intrattenere una normale conversazione con mia figlia. La debolezza è la mia che non sono riuscita ad accorgermi che stavi male, che non sono riuscita a fare niente. La debolezza è la mia che ancora, dopo vent’anni di matrimonio, non sono sicura di conoscere tuo padre, né tantomeno di amarlo. La debolezza è la mia, che non so perché mi alzo ogni mattina e mi invento scuse su scuse per fingere di avere uno scopo. La debolezza è la mia che ti guardo ora e darei la vita per tornare alla tua età e cambiare tutto, dalla A alla Z. Questa è debolezza. La debolezza di chi si abbandona. Di chi si accontenta. Di chi accetta la vita come un compromesso. Perché se non ci vieni a patti, la vita ti distrugge. E allora l’unica soluzione, l’unica ragione è gioire dei piccoli momenti, delle piccole illusorie felicità. Perché uscire con gli amici, leggere un buon libro, fare un viaggio non dovrebbero essere parte di quell’1% della vita che occupa i ritagli di tempo; dovrebbero essere il 99% della vita. Quella che ci rende chi siamo, quella che davvero ci rende umani. Quindi vivi delle piccole cose. Sono le piccole cose che ti renderanno forte.”

4 notes · View notes
charlieebasta · 5 years ago
Quote
La mia autostima è fragile, il mio piedistallo debole. Soffia e cado. Un brutto voto e scoppio. Le mie convinzioni crollano, la determinazione lascia il posto ad un terribile senso di vuoto. Di nulla. I denti digrigni lasciano la presa e all'improvviso mi chiedo se tutto questo sia realmente ciò che voglio. Sai, vivere è difficile, amico. Tanto difficile che a volte ci chiediamo se ne valga la pena. E tanto difficile che, nonostante lo voglia e lo voglia fare davvero, il più delle volte, credo di non averne le forze. Così difficile che credo di non poterlo fare da sola. E così difficile che ancora lotto ogni giorno per non ammettere di essere sola.
Charlie
14 notes · View notes
charlieebasta · 5 years ago
Quote
Ho sempre odiato novembre. Un tunnel buio tra i colori dell’autunno e le luminarie di natale; un giorno di pioggia, un altro di nebbia; la gente infreddolita che non ha ancora imparato a vestirsi; scivolano per le strade come fantasmi alla ricerca dell’ennesimo posto in cui ripararsi. 
Sai, ho sempre odiato novembre perché mi ricorda la mia vita. La vita che mi sembra di vivere e non vivere. Novembre è un pò così. Un pò insignificante, un pò triste ed un pò vuoto. 
 Un mese lavorativo, non è così? La prospettiva delle vacanze appare ancora lontana, la stanchezza inizia a farsi sentire e, preoccupati per il freddo, per la pioggia e per il buio, tendiamo ad uscire di meno, rinchiusi nelle nostre bolle di consolante solitudine. 
Un taccuino alla mano mi fermo di fronte alla finestra e tento di scrivere quello che provo. E’ difficile, sai. E’ da tanto che non scrivo e mi sembra che i pensieri siano bloccati lì, nel mezzo di quella stupida pagina del calendario che non vuole farsi girare. Quel novembre. Sai, un anno fa c'eri ancora. Parlavamo ancora, speravo ancora di poterti amare, forse o mi illudevo semplicemente di aver trovato qualcuno che provasse le mie convinzioni sbagliate, le mie ossessioni stupide, le mie regole inutili. Sai, a volte mi capita di dividere ancora gli ultimi anni in un “prima di te” e “dopo di te”, ma poi mi rendo conto di quanto stupida sia questa divisione. In fondo, non c'è mai stata una “felicità-con-te” o una “tristezza-senza-di-te”. No, credo piuttosto che la mia vita sia stata semplicemente un lungo novembre: indaffarato, buio, piovoso, inutile.
 Ma c’è qualcosa in questo scroscio di pioggia, in questa oscurità rassicurante, un qualcosa che mi fa credere che in realtà questo mese non sia poi così male. In fondo sto vivendo, mi dico. In fondo, malgrado tutto, la mia vita sta andando avanti. Un’amara rassicurazione, come la cioccolata calda in una giornata uggiosa, non è così? Ma viviamo per qualcosa di più di amare rassicurazioni?
 Mi ero detta che avrei accettato la solitudine, la tristezza, le avrei abbracciate per rinascere più forte, per risorgere fenice. Beh, sai che ti dico? Mi hanno catturato, nel loro vertice oscuro di novembrine rassicurazioni, mi hanno tirato giù negli scantinati dei loro giochi più oscuri ed in questo posto, in questo momento sento quel fremito che mi dice di farmi del male, che non conto più nulla, che non son mai contata. Tutto questo mi sta soffocando. Tutto. E quando realizzo che tutto è la mia vita e non novembre, non questo posto né queste persone, allora capisco di quanto tutto questo abbia bisogno di aiuto.
Charlie
4 notes · View notes
charlieebasta · 5 years ago
Quote
Tutto questo mi sta distruggendo, mamma.  L'ansia di vivere mi stacca brandelli di carne dall'interno, mi corrode, mi annienta, mi distrugge.  Non voglio essere quell'ombra con le borse sotto gli occhi che si aggira invocando aiuto mentre sventola la propria bandiera.  Non voglio inseguire la perfezione. Non più.  Non voglio nascondere la mia tremenda vulnerabilità dietro quella facciata di presunzione e di arroganza. Perché la verità è che ho paura di quello che sono diventata. Ho paura di avere assorbito ciò che ho profondamente odiato e orgogliosamente contestato.  Ho paura di vivere e di non volerlo fare. Ho paura di amare e di non esserne né capace né pronta. Ho paura che la mia vita sia tutta qui: un incessante rincorrere ciò che non sono ed un inutile scappare da ciò che non mi accorgo di essere.
Charlie
1 note · View note
charlieebasta · 5 years ago
Quote
Lo sguardo perso. Gli occhi spenti.  Il volto rigato di viola. La vita che scivola tra le dita scarne. Mi fermo impassibile di fronte alla notte che avanza, No, le stelle non accennano ad indicarmi la via. Ed, ancora una volta, sono qui. Ancora una volta, i sentimenti lasciano il posto al fumo di una sigaretta che riempie il mio corpo vuoto d'amore. Ancora una volta, guardo nel posto sbagliato, Cerco risposte e trovo domande, Ancora una volta mi chiedo se questo sia vivere, Se questo sia tutto, Se questa sia io.
Charlie
4 notes · View notes